Mongolia – La festa dei capelli

Mongolia_RD

02 maggio Mongolia – La festa dei capelli

In Mongolia si festeggia la prima volta che ad un bambino vengono tagliati i capelli, questo gesto ha un significato particolare: l’inizio di una nuova vita per il bambino.

Questa festa potrebbe essere descritta anche come “rito dei capelli”. Il taglio viene fatto ai bambini maschi tra i 3 e i 5 anni (in autunno) e alle bambine femmine tra i 2 e i 4 anni (in primavera). Nel giorno della festa la famiglia si reca da un monaco e successivamente si invitano i nonni e i parenti ai festeggiamenti.

La prima persona che taglia i capelli al bambino o alla bambina è di solito la persona più anziana della famiglia, generalmente uno dei nonni, poi è la volta dei genitori e degli altri parenti.

Durante il taglio si augura ogni bene al bambino e gli si offrono dei doni, mentre un tempo il regalo era una pecora bianca, oggi i regali più ambiti sono dolci, caramelle e cioccolata.

Nel corso della giornata di Festa si prepara molto cibo, soprattutto prodotti a base di latte. Questo vuole essere di auspicio per una vita ricca e abbondante. I pastori nomadi aggiungono ai festeggiamenti anche una piccola Naadam (Naadam è una festa tradizionale che si festeggia a luglio) in cui si organizzano incontri di lotta e una corsa di cavalli.

I capelli tagliati vengono poi conservati dalle madri nella sciarpa blu buddista.

Leggi anche la tradizione dei “Nove nove”>>