Progetto Orti. Aggiornamenti dal Nepal

  • dhulikhel-nursery-owners_OrtiNepal
  • NepalOrti1
  • NepalOrtinellescuole2
  • NepalOrtinellescuole
  • NepalOrti2
  • OrtiNepal3

16 Feb Progetto Orti. Aggiornamenti dal Nepal

In Nepal, da Gennaio 2015, stiamo portando avanti un importante progetto in un Paese che ha subito per più di un ventennio, pressioni da parte delle multinazionali (indiane e occidentali) per l’utilizzo di sementi ibride e un massiccio utilizzo della chimica (fertilizzanti, antiparassitari).

L’obiettivo dell’azione di ASIA è la promozione ad un ritorno a pratiche e saperi agricoli tradizionali, soprattutto per quelle fasce di popolazione urbana e peri-urbana più povere attraverso diverse azioni; in particolare nelle aree di Dhulikel e Banepa sono state formate oltre 450 persone sulle pratiche agricole sostenibili secondo i principi della permacultura, di queste 428 hanno ricevuto sementi locali e oltre 390 persone sono state formate sulle procedure burocratiche, i codici di condotta e le norme comportamentali per la certificazione biologica e il mantenimento di standard condivisi.

In questo percorso ASIA ha lavorato anche sull’accettazione e l’implementazione, da parte delle autorità locali preposte, di un modello sostenibile di produzione alimentare: sono stati infatti formati e sensibilizzati circa le tecniche di agricoltura biologica/permacultura e le conseguenze di un utilizzo massiccio di pesticidi e fertilizzanti chimici, 15 tecnici dell’ufficio di distretto responsabile delle politiche agricole nepalesi (DADO).

Inoltre, sono stati distribuiti oltre 240 kit per l’agricoltura su terrazzamenti e terreni marginali urbani e 150 kit per agricoltura in vaso e roof gardening ed è quindi stato avviato un processo di costituzione di 18 cooperative agricole formate da “piccoli” agricoltori urbani; sono stati creati due vivai gestiti dalle cooperative agricole che producono sementi locali organici e piante pronte per la piantumazione in vaso o in terreno e ad alcune cooperative sono stati distribuiti dei mezzi per vendere i loro prodotti ortofrutticoli presso i mercati delle due cittadine.

Per diffondere la cultura di un’agricoltura “diversa”, più sostenibile, sono stati creati anche dei messaggi promozionali radiofonici di un minuto e mezzo, trasmessi otto volte al giorno per sei mesi in una radio locale. In un giornale nepalese, con una tiratura di 5000 copie, è stato pubblicato un articolo su questa tematica una volta al mese per sei mesi e in 5 scuole di Banepa e Dhulikhel sono stati realizzati degli orti didattici.

Il Progetto in Nepal ancora non è finito! Dobbiamo infatti continuare ad aiutare le famiglie ad auto-costruire delle serre dove verranno custoditi e prodotti sementi ed ortaggi locali per il proprio fabbisogno alimentare, ma anche per generare nuovo reddito attraverso la loro vendita. Aiutaci anche tu >>

Guarda anche l’intervista a Govinda Sharma (Hasera Agricolure Research and Training Center) uno dei maggiori esponenti della permacultura in Nepal e partner del progetto.