-1 al Losar, il capodanno tibetano

nomadi_formaggio

15 Feb -1 al Losar, il capodanno tibetano

Il Losar è il Capodanno tibetano che quest’anno inizierà il 16 febbraio. Sono tante le tradizioni, tra cui quelle legate al cibo. 

Il 30° dell’anno tibetano si chiama Namkhang.

La mattina al risveglio si beve il Changkhol, una bevanda alcolica fatta con i cerali, si mangia del formaggio stagionato (Chura).

In questo giorno si preparano le pietanze per il primo giorno del Losar come il Dhoma Desey (un riso dolce preparato con burro, chura e dhoma –piccoli tuberi-) che verrà mangiato il mattino dopo a colazione, altre pietanze sono il gora, un tipo di pane fritto simile al paklep usato dalle popolazioni sedentarie; il pholok un impasto con carne e grasso che viene arrostito sul fuoco; diversi tipi di biscotti (khase) e frutta secca; gli tsökor, dischetti di pasta mescolata con yogurt, appiattiti e con un buco al centro, fatti cuocere nel burro; il dzona, o “naso dello dzo”, una pasta di farina a forma di nasi di dzo (animali frutto dell’incrocio tra uno yak e una mucca) fatta bollire in acqua e poi impastata con formaggio secco sbriciolato e burro.

Possono essere preparate anche diverse tipi di zuppe come il gyenlog, una zuppa di palline di pasta riempite con carne e fatte cuocere nel brodo; il dreshathuk, un brodo di riso in cui viene fatta cuocere molta carne.