COVID-19: EMERGENZA MYANMAR

Myanmar_Light

16 Apr COVID-19: EMERGENZA MYANMAR

L’emergenza globale del Covid-19 ha colpito anche il Myanmar, dove l’emergenza sanitaria sta mettendo a rischio un paese già in forte difficoltà e dove ASIA è già presente nel paese con progetti agricoli (finanziati dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo).

I primi casi accertati di COVID-19 sono stati rilevati il 23 marzo 2020 nello stato del Chin, dove ASIA lavora dal 2019 con un progetto di cooperazione.

La carenza di laboratori specializzati per l’analisi dei test fanno pensare ad una situazione potenzialmente drammatica. Nonostante i rischi ASIA è rimasta nel Paese sia con lo staff locale sia con quello internazionale decidendo di continuare per quanto possibile quelle attività agricole legate ai progetti in corso, nella speranza che non siano sospese. Una sospensione che causerebbe seri danni ad una popolazione che conta sugli aiuti derivanti dal progetto.

La situazione sanitaria delle aree remote è ancora peggiore rispetto alla situazione già molto fragile delle grandi città. Per questo ASIA sta avviando interventi mirati ad evitare la propagazione del contagio, supportando le autorità locali e la popolazione con l’obiettivo di aumentare contrastare il propagarsi del virus.

In particolare, nel distretto di Mindat, dove opera il Mindat District Hospital (che gestisce la salute pubblica di tutto il distretto per un totale di 73.587 abitanti) ASIA si pone l’obiettivo di: distribuire ai medici mascherine e guanti, divulgare messaggi per la diffusione di norme di igiene e portare un aiuto concreto al Mindat District Hospital.

In particolare i materiali che sono stati richiesti dal Medical Distric Office sono:

 mascherine
 guanti
 copricapi
 grembiuli
 megafoni
 dispositivi di protezione individuale
 strumenti per lo smaltimento dei rifiuti infetti
 sprayer
 disinfettanti a base alcolica per la disinfezione degli ambienti

Nelle prossime settimane ASIA continuerà a seguire l’evoluzione della situazione per capire eventuali ulteriori azioni da intraprendere nell’area.

 

dona ora