MONGOLIA. EMERGENZA COVID-19, NUMERI BASSI MA ALLERTA MASSIMA

MongoliaCovid19

28 Apr MONGOLIA. EMERGENZA COVID-19, NUMERI BASSI MA ALLERTA MASSIMA

L’emergenza COVID-19 è presente anche in Mongolia, dove ASIA opera dal 2016 con progetti di sostegno alla pastorizia e alla scolarizzazione.

Ad oggi ci sono 35 casi accertati nella capitale Ulan Bator, di cui 4 ricoverati. Nonostante i numeri siano bassi, l’attenzione è alta e le istituzioni hanno avviato già da inizio marzo importanti misure di contenimento e il lockdown durerà fino al 30 maggio. In tutto il Paese le scuole sono chiuse fino a settembre, mentre ristoranti, bar e locali resteranno chiusi almeno fino alla fine di aprile. Gli uffici pubblici sono aperti, così come molti negozi e grandi centri commerciali, dover però l’ingresso delle persone è controllato e disciplinato. Uffici e compagnie private hanno avviato lo smart working, limitando al massimo la circolazione dei lavoratori.

Il Paese non ha avviato un rigido lockdown, tuttavia alla popolazione è vietato lo spostamento nel country side, cioè nei villaggi fuori città.

Attualmente non è possibile entrare in Mongolia, dove il governo ha bloccato il rilascio dei visti per gli stranieri. ASIA ha comunque mantenuto la presenza nel Paese.

La sezione SPECIALE COVID-19>>

Tags:
,