Nepal – Diario di viaggio n.7

01 Mar Nepal – Diario di viaggio n.7

La testimonianza del viaggio in Nepal della nostra Responsabile Adozioni a Distanza. Una missione che ha come protagonisti i membri dello staff di ASIA NEPAL, i referenti delle diverse scuole in cui è attivo il progetto del Sostegno a Distanza, ma soprattutto le bambine e i bambini nepalesi … Anche quelli delle 4 scuole che abbiamo costruito e inaugurato lo scorso dicembre a Rasuwa.

Oggi è venerdì 8 febbraio e, dopo due giorni di inteso lavoro d’ufficio, finalmente è il momento di incontrare due importanti ONG locali e, nel pomeriggio, visitare il Monastero Triten, dove il progetto di Sostegno a Distanza è attivo dalla fine degli anni ’90!

La mattina esco con Riccardo, il Country Representative di ASIA Nepal, e Debendra, il gentile autista. Entrambi i meeting con le due associazioni locali che si occupano di diritti dei minori ed educazione mi danno enormi spunti di riflessione, mi aiutano a conoscere meglio la realtà locale, ci permettono di scambiarci idee e proposte… sono insomma di grande successo e spero portino a future collaborazioni.

Terminata la seconda riunione, ci dirigiamo poco fuori città, passando per strade asfaltate e non, fangose per via della pioggia, popolate, colorate, ricche di vita e anche tanta miseria. Quando passiamo lungo il fiume vedo alcune baraccopoli, più o meno grandi. Dopo mezz’ora di tragitto in auto è il momento di incontrare il giovane Abate o Khenpo del Monastero Triten, insieme a Dawa, lo Sponsorship Secretary, e Nabaraj (Project manager di ASIA Nepal), che nel frattempo ci ha raggiunto lì.

IMG_20190208_144024
Per raggiungere la sala dove faremo una piccola riunione, saliamo tanti scalini poiché i vari edifici che compongono il Monastero sono abbarbicati lungo le pendici di questo colle poco fuori la città. Sentiamo le melodiose preghiere e i mantra provenire dal tempio principale, dove molti monaci sono riuniti per una puja (reverenza, preghiera). Dopo l’interessante incontro con il Khenpo e Dawa Norbu, riscendiamo per visitare la Scuola di Medicina Tradizionale Tibetana inclusa nel Monastero (dove giovani studenti e studentesse studiano 9 o 10 anni per diventare dottori e imparano inoltre a selezionare, raccogliere e lavorare le erbe medicinali) e la scuola primaria. Oggi non ci sono lezioni ma i bambini sono tutti presenti per imparare alcune preghiere e rituali legati al Losar (il capodanno tibetano), che è appena trascorso.

IMG_20190208_164221Molti di questi bambini e alcuni dei monaci più grandi che si trovavano nel tempio sono sostenuti a distanza da ASIA e Dawa Norbu, sapendo che portavo con me una lettera di un sostenitore, chiama il piccolo Sonam da una classe per permettermi di consegnargliela.

Gliela traduce accuratamente dall’inglese al tibetano e lo riaccompagna in classe. Faccio qualche foto ma è già tardi e purtroppo devo salutare… Anche questa giornata è stata ricca di esperienze, emozioni e tanti insegnamenti.

 

 

 

Leggi cos’è successo nei giorni precedenti PARTE 1, 23, 4 

banner-728x90