Nepal – Diario di Viaggio n.8

02 Mar Nepal – Diario di Viaggio n.8

La testimonianza del viaggio in Nepal della nostra Responsabile Adozioni a Distanza. Una missione che ha come protagonisti i membri dello staff di ASIA NEPAL, i referenti delle diverse scuole in cui è attivo il progetto del Sostegno a Distanza, ma soprattutto le bambine e i bambini nepalesi … Anche quelli delle 4 scuole che abbiamo costruito e inaugurato lo scorso dicembre a Rasuwa.

Ed eccoci qui, 14 febbraio: l’ultima intensa giornata di missione prima del volo di ritorno. Prima di oggi ho trascorso due intense giornate di incontri a Katmandu e altri due giorni in una zona remota a nord-est della capitale, a pochi chilometri dal Tibet, in un villaggio di nome Chhagam (nel distretto di Sindhupalchok). Qui ASIA è intervenuta durante e dopo il terremoto del 2015 con progetti di ricostruzione del sistema idrico, distribuzione di sementi e formazione.

Gli abitanti di questo villaggio e del vicino Sapukhane mi hanno chiesto di intervenire adesso a sostegno della loro piccola scuola primaria e dei 42 bambini iscritti… non ho potuto promettere nulla, se non che faremo di tutto per farlo!

Di ritorno a Katmandu, con gli occhi e la memoria carichi di bellezza ma anche tanta sofferenza, mi preparo per quest’ultima giornata: l’incontro con Yeshi (la prima studentessa tibetana sostenuta grazie al Fondo Enrico Dell’Angelo) e la visita alla Scuola Manasarovar!

IMG_20190210_095716Yeshi mi aspetta insieme alla sua mamma alle nove del mattino proprio davanti l’Istituto dove studia, che si trova vicino allo Stupa Boudhanath, nel quartiere della città più abitato da rifugiati tibetani. Le raggiungo con facilità e quando mi vedono mi porgono subito le loro khata (sciarpe) e un piccolo regalo. Io chiedo loro il permesso per un breve abbraccio, perché è ciò che mi detta il mio istinto (e sicuramente la mia cultura). Dopo i saluti, Yeshi guida me e la madre tra gli edifici che compongono l’Istituto: l’edificio delle aule, quello della mensa, quello dei dormitori, la cucina… mentre passeggiamo le chiedo di raccontarmi come procedono gli studi e quali sono i suoi prossimi obbiettivi; lei mi risponde emozionata e non fa altro che ringraziare me e i donatori del Fondo per questa possibilità che le è stata data. Anche la mamma mi ringrazia in tibetano e vedo nei suoi occhi una sincera commozione.

Riusciamo a trascorrere poco meno di un’ora insieme poiché, non molto lontano da lì, mi aspettano Bijaya e Tsultrim per mostrarmi finalmente la Scuola Manasarovar (uno dei primissimi progetti di sostegno a distanza di ASIA). Già felice per l’incontro con Yeshi ed impaziente per quest’ultima visita, raggiungo la scuola e ne vengo subito “travolta”. Dal primo passo oltre il cancello d’ingresso all’ultimo prima dell’uscita, nel tardo pomeriggio, bellissime emozioni mi travolgono e sconvolgono. L’accoglienza dello staff e degli studenti è indescrivibile. Bijaya e TsultrimIMG-20190214-WA0082 hanno chiamato a raccolta tutti gli studenti sostenuti da ASIA sia dentro che fuori la Manasarovar. Molti tra gli studenti laureati, universitari e di scuola superiore che si trovavano in città sono venuti puntuali nella loro ex scuola, pronti ad accogliermi con le loro khata e i loro splendidi sorrisi… ad uno ad uno mi vengono incontro, mi ringraziano, alcuni mi abbracciano… vengo quasi letteralmente sommersa da sciarpe bianche e gialle e non posso far altro che piangere dall’emozione.

Dopo questo lungo momento di accoglienza e saluto in cortile, entriamo a scuola e posso parlare un po’ con questi ragazzi, rispondere alle loro domande, ascoltare le loro storie… mi riunisco poi con Tsultrim e Bijaya, per parlare di questioni gestionali e bisogni, per poi concludere la giornata con la visita presso ogni singola classe (dalla materna alla quinta elementare).

IMG-20190214-WA0115Che scuola meravigliosa!
E quanto impegno e quanti sforzi devono fare tutti i giorni queste due donne e tutto lo staff per renderla tale!

È per me un grandissimo onore rappresentare ASIA e tutti i sostenitori a distanza qui, oggi… non avrei potuto desiderare modo migliore per festeggiare la giornata mondiale dell’amore.

 

Leggi cos’è successo nei giorni precedenti PARTE 1, 23, 4 , 7

banner-728x90