#levostreparole #contagiovirtuoso CAP.1

Le parole ci risuonano dentro, possono innescare reazioni di stress, di odio e di paura, oppure aprirci a nuove prospettive e modi di affrontare le situazioni anche molto difficili come quella che stiamo vivendo.

Queste le parole che ci state inviando, sono tante, tutte preziose riflessioni su ciò che questa pandemia ci può insegnare, diventando occasione di evoluzione e motore di un cambiamento costruttivo.

PARTECIPA ANCHE TU
INVIACI LA TUA PAROLA e contribuisci anche tu al contagio virtuoso. Come fare?

Pubblicala sulla nostra pagina Facebook con #leparoledelcontagiovirtuoso.

Pubblicala sul tuo profilo Instagram con #leparoledelcontagiovirtuoso e taggando ASIA (ASIA Onlus

Inviala a l.fidanzia@asia-ngo.org , la pubblicheremo sui nostri strumenti di comunicazione.

3(1)

OCCASIONE
Cogliere l’occasione…. per capire ciò che non abbiamo mai capito, ciò che non abbiamo mai voluto capire e capovolgere (almeno in parte) il nostro punto di vista.

Un abbraccio a tutti

Gemma, Roma

RIFLESSIONE
La mia parola è riflessione su ciò che la natura ci sta dicendo, su quello che bisogna cambiare prima che tutto finisca!!

Antonio, Villa Santa Maria (Chieti)

4(1)
5(1)

SOLLIEVO
A dir la verità quando ho cominciato a sentire le notizie dei contagi in Cina le mie preoccupazioni erano proprio per voi di Asia che in prima persona vi recate in quei territori per portare sollievo ai tibetani che vivono in Cina in Nepal in india e agli altri popoli dell’Asia.
In poco tempo la stessa preoccupazione si è estesa anche ai miei genitori che vivono qui in provincia di Bergamo vicino a me, e a tanti come loro. In questo periodo il mio papà e la mia mamma stanno chiusi in casa; io gli porto la spesa, i giornali, le medicine, chiacchiero un po’ sotto il portico a debita distanza e con la mascherina, poi vado. Non faccio tanto e l’affetto che mi lega è sempre lo stesso, ma colgo l’importanza del gesto concreto più di prima, se non ci fossi io chi lo farebbe? Se non ci foste voi di ASIA chi aiuterebbe i bambini i monaci i pastori del Tibet? Purtroppo la condizione attuale è anche che non si può portare sollievo perché i parenti o le persone care non si possono raggiungere in altri paesi o in ospedale, questo aumenta la sofferenza.
Spero che presto torni ad essere possibile, se non più facile, portare sollievo (letteralmente sollevare da un peso fisico o morale) nei paraggi e lontano.
Grazie!
Cari saluti

Isabella, Scanzo Rosciate (Bergamo)

STARE con AMORE.
Stare ad osservare fuori…stare ad osservare dentro…stare in questo tempo lungo e silente…e godere, sentire quanto mi è mancato.
Stare nel sentire che lontani siamo vicini, cuore-cuore.
Stare nella calma.
Stare.
E sentire che non siamo soli.
E che questa è un’enorme occasione per imparare ad amare di più gli altri e soprattutto noi stessi.
Per ricordarci di noi.
Per ricordarci il valore di un contatto.
Per Respirare.
Un abbraccio a tutti,
cuore-cuore.

Debora, Trento

1(1)
6(1)

GRATITUDINE E CONSAPEVOLEZZA
Grazie per tutto quello che siete e che fate…Mi viene in mente “gratitudine” ma anche consapevolezza per non perdere la presenza nella nostra vita e nella e per la vita di tutti.
Un abbraccio dal cuore.

Vestilia, Rignano sull’Arno (Firenze)

SPAZIO
Mantenere la distanza- lo spazio fra di noi, vivere insieme in uno spazio forse piccolo, la voglia e impossibilità di uscire e godere dello spazio aperto…..ma anche l’occasione di accedere ad uno spazio interno, scoprire ed esplorare la ricchezza del nostro spazio.

Adriana, Venezia

2(1)
7(1)

INTROSPEZIONE
La mia parola è INTROSPEZIONE, cioè stare con se stessi, bastarsi e reimparare a conoscersi.
Un abbraccio a tutti voi

Anna Maria, Ravenna

GESTIONE
Parola spesso associata a situazioni economico/finanziarie/lavorative. In questo periodo la vorrei trasferire ad una sfera individuale/personale che riguarda la gestione del tempo ora più che mai di nostra esclusiva proprietà ma con tante limitazioni e quindi sarei tentata di dire che forse sono proprio quelle che non sappiamo gestire.
Ed ancora più importante la gestione delle nostre paure, incertezze, pensieri, aspettative, soddisfazioni/insoddisfazioni…insomma della nostra mente.
Buona gestione a tutti

Antonella, Foligno

8(1)
11(1)

AUGURIO
Invio i miei migliori auguri e il mio amore a tutte le persone che stanno soffrendo per la malattia e per la paura.

Adelina, Las Palmas, Gran Canaria (Spagna)

VITA
Faccio il dirigente culturale da decenni e quindi tra le mie competenze c’è quella di dover trasformare la difficoltà in opportunità.
Penso che tutti possiamo e dobbiamo cercare di farlo.
Per me questo straordinario esempio di impermanenza è occasione per vivere con pienezza la mia vita. Sono ormai diventato vecchio ma sento in me un’energia immutata, che il Maestro Chögyal Namkhai Norbu mi ha insegnato a aumentare e armonizzare; così attraverso la vita con interiore sorriso e vedo fiori spuntare dalla terra davanti ai miei passi.
Nel tumulto delle emozioni così difficili da incanalare riconosco tutta la felicità che i suoi insegnamenti e la sua tenerezza mi hanno dato.

Giorgio, Venezia

2
1

AMORE
L’amore è Dio, Dio è amore, è quella forza che moltiplica le nostre forze, il nostro impegno sociale e civile, che ci fa condividere i momenti della nostra vita e ci fa sentire come famigliari anche persone che stanno a migliaia di chilometri di distanza e non abbiano ancora conosciuto. È la quintessenza dell’Universo e dell’energia cosmica, e proprio per questo tutto gli è possibile, non ci sono ostacoli a questa potente energia. Perché è così potente? Perché ci fa uscire dal nostro egoismo, dal nostro attaccamento ai beni materiali e amplifica tutto quello che è buono in noi. Perché non è stato valorizzato abbastanza? Perché se ne ha paura, e non si capisce che è l’unica cosa che rimane e sopravvive a noi, e può mantenere la pace fra i popoli.

Massimo, Roma

RALLENTARE

Ecco, sì, rallentare, rallentare e respirare, rallentare e apprezzare, rallentare e smettere di produrre male senza equilibrio, rallentare e condividere, rallentare e smetter di inquinare, rallentare e. prima di introdurre il 5G pensarci un milione di volte, rallentare e smettere di fomentare le guerre, rallentare e ritrovarsi presto su qualche bel prato di questo Pianeta che potrebbe essere un posto molto più bello e respirabile… Rallentare!!!

Giovanni, Roma

 

3
4

PERFETTO

Ho dovuto ascoltare profondamente le mie emozioni, come paura e angoscia per me e per i miei cari, per Il mio paese e per l’umanità intera.

Ho visto la primavera arrivare con la sua bellezza, ho percepito la madre Terra con tutto Il suo potere, la sua forza.

Ho compreso Il suo bisogno di guarire da tutto Il male che la nostra inconsapevolezza le sta causando.

E ho iniziato ad ascoltare la voce che dentro di me va oltre Il mio pensiero condizionato.

Quella voce mi ha detto che è tutto perfetto dentro e fuori di me, la paura nasce dall’ignoranza della visione unitaria del disegno divino. Nell’unità tutto è PERFETTO!

Questo mi aiuta a vivere ogni giorno con la consapevolezza che nulla è scontato e che Il coraggio me lo devo guadagnare prendendomi cura della mia mente e del mio cuore!

Marina, Torino

RISPETTO

In questo momento difficile che noi tutti stiamo vivendo la parola che ripeto spesso è RISPETTO, abbiamo scordato il suo significato.

Rispetto verso il nostro prossimo e rispetto verso questa casa bellissima che è il nostro pianeta. Impariamo a rispettarlo osservando il miracolo della natura che si sta rigenerando ora che noi siamo “lontani”. Ricordiamocelo quando potremo tornare ad osservare il mondo, quando finalmente riscopriremo la vera libertà.

Patrizia, Verona

5
13

CAMBIAMENTO

Siamo obbligatoriamente costretti a cambiare: abitudini quotidiane, modi di pensare, atteggiamenti verso gli altri, ritmi di vita.

Finalmente possiamo riappropriarci dei nostri pensieri, delle nostre emozioni che solitamente mettiamo da parte, di quanto abbiamo desiderato fare e sempre rimandato.

Ed era ora che sentissimo empatia e solidarietà per il resto del mondo, a cominciare da tutti coloro che sono costretti a stare in campo, per tutti quelli che sono lontani dalle cure, per tutti coloro che sono in preda alla paura ed alla sofferenza.

Nonché compassione per tutti quelli che non riescono a capire il momento attuale, per tutti i vari ideatori di soluzioni dal divano di casa loro, per tutti coloro che si sentono dentro una bolla impenetrabile.

Leopoldo, Roma

DISVELAMENTO

La pandemia ha messo a nudo le ingiustizie del mondo e le caratteristiche delle persone: da un lato  generosità e altruismo, dall’altro egoismo e cinismo.

Giovanna, Vignola (TN)

7
8

SERENITA’

In questo momento è una parola che può sembrare molto difficile ma che ci può aiutare a guardare oltre.

Ognuno di noi la può trovare nel suo quotidiano, magari nascosta in un gesto di saluto inaspettato da un passante sconosciuto che ti vede sul balcone, nella piccola pianta di azalea che fiorisce in queste anomala primavera, nelle fusa del gatto che si accoccola sulle ginocchia,

nel volto di un figlio che può vedere solo on line, nell’abbraccio al tuo compagno prima di dormire.

Perché come dice un antico proverbio indiano “ci sono sempre mille soli al di là delle nuvole”.

Laura, Milano

OPPORTUNITÀ

La crisi di un sistema è un’opportunità per ripensare a un modello differente più inclusivo di chi ha meno voce: le minoranze, le culture indigene, l’ecosistema.

Il non fare è un’opportunità per rompere schemi di comportamento che ripetiamo per inerzia e che danneggiano noi stessi e gli altri.

La distanza è un’opportunità per coltivare il rispetto del nostro spazio e dello spazio degli altri.

Fermarsi è un’opportunità per osservare il nostro respiro e il respiro del pianeta.

Evitare il contagio è un’opportunità di comprendere quanto il benessere individuale è interdipendente con il benessere collettivo.

Persino la malattia è un’opportunità per cogliere l’impermanenza del nostro corpo e del nostro mondo materiale come un potente antidoto all’egoismo.

Ilaria, Mapello (BG)

9
10

STRETTE STRETTE

Con i nostri figli addosso

difficile spiegare…

Alle madri a volte sembra di soffocare

ma si sa, loro possono espandersi,

creare spazio interiore.

E dentro quello spazio ci sta tutto l’amore che serve.

POESIA DI UMABEL DUMONDE

Paola, Oleggio (NO)

UBUNTU

Il sentirsi parte di umanità comune, IO sono perché NOI siamo.

Cristiano, Novara

11
1(2)

PRESENZA
Non solo nel lavarsi le mani e disinfettare le cose. Presenza nell’uso del tempo e dello spazio. Presenza nei rapporti con la natura, che coinvolge tutti gli esseri visibili e invisibili. Più che mai adesso sappiamo che ciò che facciamo oggi ha conseguenze domani.

Paola, Napoli

 COMPASSIONE
Lasciare spazio nel cuore anche …per la tristezza e la sofferenza. Rilassarsi, nella totale compassione.

Maria Bianca, Parma

2(2)
3(2)

DAL CAOS ALLA CENTRATURA
In questo preciso momento sulla terra siamo tutti confrontati all’esperienza di trasformazione.

Dal caos alla centratura.

Coloro che si lasciano attraversare dalle sensazioni possono oggi sperimentare la trasformazione della paura in energia e chiarezza.

Empatia, unione sono qualità preziose da poter coltivare.

La vicinanza non è unicamente fisica, quella energetica oltrepassa ogni frontiera e confine.

Grata e fiduciosa di poter trarre tanto beneficio da questo periodo apparentemente di “caos e non sapere.“

Il non sapere per noi occidentali è quasi sconosciuto, siamo abituati e cresciuti nel controllo, oggi la vita ci chiama all’esperienza espansa di non sapere e rimanere fiduciosi, e all’ascolto in ogni momento di quello che succede.

Antonella, Lugano (Svizzera)

PACE
In tutti i sensi, in tutti i modi, in ogni dove.

Monica

#levostreparole #contagiovirtuoso
12

RESPIRO
Rendere la propria respirazione perfetta con lo Yantra Yoga.

Roberto Curtis, Torino

ACCETTAZIONE
Accetto ciò che succede cercando di mantenere la mia centratura, accetto senza piegare la testa, senza farmi troppe domande ma cercando di trovare dentro di me le risorse per affrontare quanto la vita mi pone davanti. Accetto e non giudico, mi nutro della forza interiore che proprio in momenti come questi sa sgorgare. Accettazione è l’anticamera dell’empatia, della condivisione, della solidarietà.

Paola, Capriva del Friuli

1
2

UNITI
Annamaria, Napoli

 

CORAGGIO
Ora che ci ritroviamo ad affrontare circostanze insolite e persino pericolose, dobbiamo trovare il coraggio dentro di noi – coraggio non solo per combattere il nemico invisibile, ma anche per approfondire le nostre menti e i nostri cuori. Per distinguere ciò che è veramente importante per la nostra vita, a chi dobbiamo i nostri sentimenti e la nostra compassione più profondi, e come possiamo contribuire alla ripresa dell’intera società. Non è un compito facile come può sembrare: se guardiamo in noi stessi in silenzio e in profondità, potremmo non trovare ciò che abbiamo pensato e sperato … Questo è il momento di avere il massimo coraggio e di scrutare e riparare quello che non va, fino a quando non salteremo di nuovo nelle giornate frenetiche.

Jana, Samorin (Slovacchia)

4
3

FELICITA’
Dimitar, Dubai (Emirati Arabi)

 

INVIACI LA TUA PAROLA e contribuisci anche tu al contagio virtuoso, pubblicala sulla nostra pagina Facebook con #leparoledelcontagiovirtuoso, pubblicala sul tuo profilo Instagram con #leparoledelcontagiovirtuoso e taggando ASIA (ASIA Onlus) o inviala a l.fidanzia@asia-ngo.org , la pubblicheremo sui nostri strumenti di comunicazione.