Preparazione all’emergenza COVID19 nello stato del Chin (Myanmar)

MyanmarPianoTerraCovid19

Il sistema sanitario birmano è considerato tra i peggiori al mondo. La situazione sanitaria nelle aree remote peggiora rispetto alla già molto fragile situazione nelle città.

DOVE SI SVOLGE L’INTERVENTO
L’assistenza sanitaria di base è ancora fuori portata per la maggior parte delle persone nello Stato del Chin, una delle zone più remote e isolate del paese, dove tre quarti delle persone, che sopravvivono principalmente con agricoltura su piccola scala, si attestano sotto la soglia di povertà. Gli scarsi mezzi di trasporto e il terreno accidentato significano che i residenti rurali spesso devono camminare per giorni per raggiungere le cure mediche nella città più vicina. Alcuni arrivano vicino alla morte mentre altri non sopravvivono al viaggio.

PERCHE’ AGIAMO IN QUEST’AREA
Poiché l’assistenza sanitaria non è facilmente disponibile, molte persone fanno affidamento sui rimedi tradizionali per le malattie stagionali (monsoniche) e solo quando sono gravemente malati vanno in ospedale. Nonostante gli sforzi di educazione sanitaria da parte del governo e di molte ONG, i livelli di consapevolezza sanitaria e di igiene tra la popolazione locale rimangono bassi. E questo non a causa della mancanza di strutture. Il Chin, infatti, ha 9 ospedali per un totale di 750 posti letto, 20 “station hospitals” – strutture sanitarie più piccole degli ospedali cittadini, ma più grandi dei centri sanitari rurali – 9 centri di salute materna e infantile e 331 centri sanitari di villaggio. Ma il personale delle strutture sanitarie è difficile da reperire e la maggior parte delle strutture sono seriamente sottoservite.

Nelle aree specifiche in cui ASIA continua a lavorare (Mindat District – Township of Mindat e Kanpetlet), anche se con enormi difficoltà e limitatamente allo svolgimento di attività che non compromettono la salute delle persone coinvolte, lo staff ha iniziato a comprendere le problematiche sanitarie presenti e la necessità di sostenere il Dipartimento della Salute Mindat.

IN COSA CONSISTE IL PROGETTO
E’ stata avviata una fase di prevenzione per cercare di contenere la diffusione del virus. Durante l’intervento è stato distribuito il materiale medico carente nell’area e richiesto dagli ospedali.

I beneficiari sono stati più di 317 tra medici e paramedici situati nelle diverse strutture sanitarie che si riferiscono ai due ospedali (Mindat e Kanpetlet).

Progetto cofinanziato con
Pianoterra_logo